Per anni ho sentito l’agente della contea di Union Robin Bridges parlare di bacche di goumi. Pensavo di sapere un bel po ‘ di cose sull’orticoltura, ma non avevo mai sentito parlare, né visto una pianta di bacche di goumi. Pensavo si stesse inventando questa pianta. Chi ha mai sentito parlare di una bacca di goumi a un nome più improbabile che non riesco a immaginare. Mi avrebbe portato un barattolo di goumi berry jelly ma io non sono molto di un mangiatore di gelatina, così altri hanno mangiato. Finalmente qualche anno fa mi ha portato un inizio della pianta. L’ho annaffiato doverosamente ed è cresciuto senza problemi, ma non ho visto alcun frutto. L’anno scorso potrei aver avuto un fiore o due, ma nessun frutto. Poi questa primavera era coperto di fiori profumati,

che sono stati seguiti da piccoli frutti verdi.

Questa settimana, il frutto ha iniziato a cambiare colore ed è maturo.

Penso che abbiano un buon sapore NO NO, ma sono carini. Sono aspri senza una tonnellata di sapore, ma ora ho coltivato bacche di goumi.

Che ci crediate o no, la pianta è un elaeagnus, (Elaeagnus multiflora) legato alla nostra caduta fioritura paesaggio arbusto Elaeagnus, autunno oliva e oliva russa. A differenza di alcuni dei suoi cugini, goumi è un arbusto non invasivo, non nativo e finora, almeno, non ha un brutto giorno di capelli come l’arbusto sempreverde.

Mentre le sue qualità nutrizionali non sono ben studiate, è possibile che abbia un valore nutrizionale simile ad alcune varietà di olive autunnali, tra cui un alto contenuto di licopene. Penso che abbia un sapore un po ‘ come una crostata dolce.

Il Goumi è una pianta fruttifera non nativa dell’Estremo Oriente russo, della Cina e del Giappone, dove è molto apprezzata sia come pianta medicinale che per i suoi frutti commestibili. E ‘ stato introdotto in Nord America dall’Asia ben più di 100 anni fa, ma penso di non essere in minoranza che non avevo mai sentito parlare. I frutti sono piccoli e mentre può fare una buona gelatina, io per uno, non avrei la pazienza di seminare tutti e cuocerli in sciroppo o gelatina. Tanto di cappello a Robin per averlo fatto. A mio parere, sarebbe un ornamentale piuttosto commestibile. I fiori sono fragranti e i frutti sono piuttosto attraenti. Ora, dove ne trovi uno? Questo potrebbe essere il problema più grande, dal momento che non penso che siano facili da propagare e mi ci sono voluti anni prima di averne uno. Crescerà in pieno sole all’ombra piuttosto pesante. Il mio era in luce solare sicuramente filtrata e ho ancora buone fioriture e frutta.

Se riesci a trovarne uno, piantalo. È carino e se ti piace la frutta aspra, commestibile. Grazie Robin Bridges per avermi presentato un nuovo impianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.