“Project Owl”di Google

Questo articolo è Parte 2 di “La risposta di Google a un mondo “post-verità”.”Esamina come il gigante tecnologico sta combattendo contro le notizie false e navigando in un mondo in cui la conoscenza è potere.

Se prima le previsioni erano classificate come utili o inutili, ora gli utenti possono segnalarle come “odiose, sessualmente esplicite, violente o che includono attività pericolose e dannose o altro” con funzionalità di commento.
Questo non significa che Google estrarrà immediatamente il “risultato suggerito” contrassegnato. Ma hanno detto che con abbastanza volume, potrebbero dare la priorità a una recensione.
Probabilmente tireranno solo i casi più stridenti di fatti alternativi. Ma rimane la grande questione teorica della censura. Se Google tira alcune informazioni perché è ritenuto offensivo, quali motivi morali impedirà loro di censurare altri risultati di ricerca?

Feedback per “Frammenti in primo piano” in Project Owl

Google è stato coinvolto in un altro scandalo mediatico alla fine dell’anno scorso. Lo Snippet in primo piano utilizzato per Google Assistant ha dato una risposta terribilmente offensiva al fatto che le donne fossero malvagie. Il progetto include il miglioramento di questi frammenti.
Proprio come con il completamento automatico, invece di un modulo di feedback che indica semplicemente disponibilità, i moduli migliorati consentiranno a Google di sapere se era dannoso, offensivo, ecc.

Contenuti autorevoli

Un altro modo in cui Google sta combattendo le notizie false è promuovere contenuti autorevoli attraverso Project Owl. Ma Google non ha spiegato come il suo algoritmo determina un sito più autorevole di altri. Indubbiamente molti fattori vanno in questo processo, che è quello che dice Google senza divulgare le specifiche.
Sicuramente il New York Times è una fonte più autorevole di uno strano blog dello zio che vive nei boschi dell’Oregon. Ma cosa succede se sto cercando informazioni su come vivere giorno per giorno fuori dalla griglia nei boschi? Il problema con i siti di notizie false che spuntano in modo più prevalente rispetto ai siti di notizie reali è perché le persone cercano cose per convalidare la loro visione del mondo.

È vero che la maggior parte del processo è ancora avvolta nel mistero. Non sappiamo come le modifiche influenzeranno il modo in cui cerchiamo online.
Ma è chiaro che questo problema ha bisogno della nostra piena attenzione. Se non vogliamo essere ingannati di nuovo da ciò che scegliamo di credere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.