Di Melinda Dennis, MS ,RD, LDN

Panoramica della dieta senza glutine

Seguire una dieta rigorosa senza glutine è la chiave più importante per ottimizzare la salute con la celiachia. Questa dieta evita gli alimenti a base di cereali contenenti glutine grano, segale e orzo, compresi gli alimenti che possono essere venuti a contatto con questi cereali.

Poiché la dieta priva di glutine è spesso a basso contenuto di calcio, ferro, fibre, zinco, vitamine del gruppo B, vitamina D e magnesio, è molto importante sostituire questi nutrienti attraverso una dieta sana ed equilibrata e un’appropriata integrazione multivitaminica/minerale senza glutine.

La maggior parte delle persone non può soddisfare le loro esigenze nutrizionali attraverso la sola dieta e prendere in considerazione un integratore multivitaminico/minerale senza glutine standard. Poiché l’intolleranza al lattosio è comune nella popolazione della malattia celiaca, è spesso difficile raggiungere l’obiettivo raccomandato di calcio e vitamina D, e un integratore di calcio con vitamina D è spesso raccomandato. Altre vitamine o minerali possono anche essere raccomandati come nel caso di carenze di ferro o vitamina B. I cereali integrali senza glutine, come riso integrale, quinoa, miglio e amaranto, sono eccellenti fonti di fibre, vitamine e minerali e sono un componente chiave per una dieta sana senza glutine.

Il buon stato nutrizionale e la remissione della malattia celiaca dovrebbero essere raggiunti prima che una donna rimanga incinta per massimizzare la salute sia della madre che del bambino. Poiché le carenze nutrizionali possono influire sulla funzione riproduttiva (in particolare zinco, selenio, ferro e folato), tutti i laboratori dovrebbero essere normali o considerati abbastanza vicini all’obiettivo dal medico (vedere Test sotto). Una donna dovrebbe iniziare il suo integratore vitaminico/minerale prenatale senza glutine non appena inizia a considerare la gravidanza.

I componenti chiave per una gravidanza sana e senza glutine includono:

  • Aumento di peso appropriato-il fabbisogno calorico stimato durante la gravidanza varia da individuo a individuo in base all’età, trimestre di gravidanza, numero di feti, aumento di peso, ecc.
  • Appropriata attività fisica
  • il Consumo di una varietà di alimenti in conformità con le più recenti Linee guida Dietetiche per gli Americani
  • Appropriato e tempestivo supplementazione vitaminica e minerale
  • Evitare di alcol, tabacco e altre sostanze nocive
  • gestione della Sicurezza alimentare

Nutrizione Prenatale e le Donne in Gravidanza con problemi di Celiachia: Le basi

Assumendo un buono stato di salute e una forte aderenza alla dieta priva di glutine, ecco alcune linee guida specifiche sui nutrienti da tenere a mente prima e durante la gravidanza.

Ferro: si raccomanda l’assunzione di cibi ricchi di ferro o cibi fortificati con ferro, insieme a cibi ricchi di vitamina C per aumentare l’assorbimento. Un integratore vitaminico/minerale prenatale senza glutine standard contiene 27 mg di ferro.

Acido folico: Si raccomanda l’assunzione giornaliera di 600mcg di acido folico sintetico (da alimenti fortificati o integratori) e folato da forme alimentari, come verdure scure, a foglia verde, fagioli secchi e cereali integrali senza glutine. A differenza dei prodotti commerciali contenenti glutine, molti prodotti commerciali senza glutine come cereali, pane e pasta non sono fortificati o arricchiti con acido folico o ferro.

Calcio e vitamina D: Sebbene la National Osteoporosis Foundation raccomandi 1000mg di calcio e 400-800IU (unità internazionali) di vitamina D al giorno per gli adulti sotto i 50 anni di età, le esigenze individuali variano, in particolare nelle persone con malattia celiaca. Molti operatori sanitari raccomandano 1200 mg di calcio e 1.000 UI di vitamina D al giorno per gli adulti con malattia celiaca.

Acidi grassi Omega-3 (n3) : “Garantire l’assunzione alimentare materna di acidi grassi n-3 a catena lunga, in particolare DHA, durante la gravidanza e l’allattamento attraverso due o più porzioni di frutti di mare a settimana ha anche benefici per il bambino, specialmente quando le donne enfatizzano i tipi di frutti di mare ad alto contenuto di acidi grassi n-3 e con basso contenuto di metil mercurio.10 ” Salmone, tonno, trota di lago, aringhe e sardine sono alcuni esempi di pesci che contengono buoni livelli di acidi grassi omega-3.

seguendo le raccomandazioni di seguito, le donne che possono diventare gravide, donne incinte, madri che allattano e i bambini possono beneficiare di proteine, nutrienti essenziali, omega-3 acidi grassi e basso contenuto di grassi di pesce e crostacei, riducendo la loro esposizione agli effetti nocivi del mercurio:

  1. “non mangiare lo squalo, pesce spada, re sgombro o tilefish, perché contengono alti livelli di mercurio.
  2. Mangia fino a 12 once (due pasti medi) a settimana di una varietà di pesci e molluschi che sono più bassi di mercurio.

Cinque dei pesci più comunemente consumati a basso contenuto di mercurio sono gamberetti, tonno leggero in scatola, salmone, pollock e pesce gatto.

Un altro pesce comunemente mangiato, il tonno bianco (“bianco”) ha più mercurio del tonno leggero in scatola. Così, quando si sceglie il vostro due pasti di pesce e crostacei, si può mangiare fino a 6 once (un pasto medio) di tonno bianco a settimana.

  1. Controlla gli avvisi locali sulla sicurezza del pesce catturato da familiari e amici nei laghi, nei fiumi e nelle aree costiere locali. Se nessun consiglio è disponibile, mangiare fino a 6 once (un pasto medio) a settimana di pesce si cattura da acque locali, ma non consumare qualsiasi altro pesce durante quella settimana.”

Il tuo operatore sanitario discuterà anche di calorie adeguate, proteine, acidi grassi omega-3 e altri grassi sani, fibre, liquidi, vitamine, minerali e altre esigenze di integratore in base ai tuoi laboratori, alla dieta e alla storia medica passata. Per un’assistenza ottimale e individualizzata, le donne dovrebbero cercare consulenza prenatale e di gravidanza da medici e dietisti registrati specializzati in celiachia.

Raccomandato Prove di Laboratorio per Quelli di Nuova Diagnosi di Malattia Celiaca

  • CBC (emocromo completo)
  • studi di Ferro (ferritina preferito)
  • 25 OHD (vitamina D)
  • Folato
  • B12
  • IgA anti-tTG (celiachia anticorpi)
  • TSH
  • densità minerale Ossea prova (BMD)-di solito è fatto di 12 mesi dopo l’inizio della dieta priva di glutine; parlate con il vostro medico circa i tempi per la BMD test di gravidanza e
  • Altri laboratori (in base all’esigenza): vitamine liposolubili (A, e e K), zinco, selenio, magnesio, etc.

Melinda Dennis, MS, RD, LDN, è coordinatore nutrizionale per il Centro celiaco al Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston e proprietario/fondatore di Delete the Wheat Nutritional Counseling. Melinda è anche coautore del libro Real Life with Celiac Disease, AGA Press, Bethesda, MD, 2010.

  1. Hallert C, et al. Sperimentazione clinica: le vitamine del gruppo B migliorano la salute dei celiaci che vivono con una dieta priva di glutine. Aliment Pharmacol Ther 2009; 29 (8): 811-16.
  2. Kupper C. Linee guida dietetiche e implementazione per la celiachia. Gastroenterol 2005;128: S121-127.
  3. Thompson T, et al. Indagine sulla dieta senza glutine: gli americani con celiachia consumano quantità raccomandate di alimenti in fibra, ferro, calcio e cereali? J Hum Nutr Dietet2005;18: 163-169.
  4. Quali sono le prove a sostegno dell’adeguatezza nutrizionale di un modello dietetico senza glutine? American Dietetic Association Evidence Analysis Library. Accesso 13 ottobre 2010.
  5. Posizione dell’American Dietetic Association: nutrizione e stile di vita per un esito sano della gravidanza. J Am Diet Assoc. 2008;108:553-561.
  6. Shah S, et al. Celiachia: un problema sottovalutato nella salute delle donne. Journal of Women’s Health 2010; 6(5): 1-14.
  7. Thompson T. Tiamina, riboflavina e niacina contenuto della dieta priva di glutine: c’è motivo di preoccupazione? J Am Diet Assoc 1999;99: 858-62.
  8. Fondazione Nazionale per l’osteoporosi. Prevenzione. Accesso 11 ottobre 2010.
  9. Malattia ossea. Nella vita reale con la celiachia. I nostri servizi sono a vostra disposizione.
  10. United States Department of Agriculture, Center for Nutrition Policy and Promotion. Linee guida dietetiche per gli americani, 2010. Sintesi. Accesso 29 ottobre 2010.
  11. Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti. U. S. Food and Drug Administration. Cosa c’è da sapere sul mercurio nei pesci e nei molluschi, marzo 2004.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.