Granulite è un termine che è nato con connotazioni separate in diverse lingue e, dalla sua definizione originale, si è notevolmente ampliato nel campo di applicazione e nell’uso generale. L’uso più diffuso al momento è vicino alla definizione originale tedesca di una roccia metamorfica di alta qualità con una trama granulare e una forte fascia, ma senza minerali foliacei, in modo che non si sviluppi una forte scistosità. Questa definizione di granulite è stata utilizzata da Eskola (Barth et al., 1939) per definire il grado più alto di rocce metamorfiche regionali che contengono pirosseno al posto dei normali minerali ferromagnesiani idrosi, in modo che la granulite pirossenica sia diventata l’uso più noto. Le rocce di questa facies (cioè con una composizione minerale in cui l’ortopirossene è stabile piuttosto che la comune hornblende verde) sono state riconosciute in tutto il mondo, essendo particolarmente comuni nelle aree delle rocce precambriane. L “uso del termine granulite è ormai diventato quasi universalmente sinonimo di” granulite…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.